Pagina iniziale

lunedì 23 dicembre 2013

CASETTE DI PAN DI ZENZERO (SENZA ZENZERO)

Ebbene si, lo zenzero non c'è. A casa mia le spezie non sono amate, io non ho abituato la mia famiglia all'uso di questi aromi e anche io stessa non li amo particolarmente.
 Questa è la prima, è un prototipo, un pò pocciata, ma di grande soddisfazione. Ne avevo fatte due uguali per il mio compleanno, il 10 dicembre, una è andata alla classe di Vanessa, l'altra nel mio ufficio e l'abbiamo "distrutta" stamattina, devo dire che dopo 13 giorni la pasta è ancora gradevole.
 Queste sono un pò più precise, la decorazione è un pò più accurata e l'assemblaggio è venuto meglio. A forza di fare il muratore, sto imparando...
Vediamo la ricetta:
per due casette e relativi alberelli:
250 gr di burro
200 gr di zucchero
200 gr di miele
3 uova
3 cucchiai di cacao
1 cucchiaino di bicarbonato
1 pizzico di sale
850 gr di farina
mettere tutti gli ingredienti tranne la farina in una terrina o nella planetaria e azionare finchè si mescola tutto, poi aggiungere la farina un pò alla volta, amalgamare con le mani e far riposare in frigo, per un'oretta.
per decorare:
ghiaccia reale
lenticchie colorate, liquirizie ripiene, caramelle di ogni tipo e forma
Fare l'impasto, tagliare le varie parti (per ogni casetta fare 2 pezzi per il davanti, 2 per i fianchi, 2 per il tetto e i pezzi per il comignolo)
Cuocere a 160° per circa 15 minuti (anche meno, bisogna controllare bene che non bruci) e aspettare che si raffreddi molto bene, magari su una griglia di metallo
Quando le parti sono fredde, preparare la ghiaccia che servirà per incollare le decorazioni e anche per l'assemblaggio della casetta.
pesare circa 50 gr di albumi e aggiungere 250 gr di zucchero al velo setacciato, mescolare bene col cucchiaio oppure con le fruste e mettere in una sac a poche con foro piccolissimo.
 Iniziare ad attaccare le lenticchie colorate, le liquirizie ripiene e i vari dolcetti a piacere (ci si può veramente sbizzarrire, anche con i bambini) e far asciugare ben bene (anche tutta la notte). Chiudere bene l'imbocco della sac a poche per evitare che la glasa si secchi creando un tappo.
Quando la ghiaccia sarà diventata dura come il "cemento" si può cominciare ad assemblare le varie parti.
Questa è decisamente la parte più difficile, nel senso che bisognerebbe avere almeno tre o quattro mani.
Io mi sono aiutata con dei bicchieri, ho montato prima le quattro pareti e poi, quando la ghiaccia è quasi secca, ho appoggiato le due parti del tetto, infine il comignolo che avevo montato prima di iniziare l'assemblaggio della casetta.
 Questa l'ha decorata la mia Vanessina, è molto carina e si è divertita molto con la sac a poche.
 Ecco altri particolari, il bello è che ogni casetta è diversa da tutte le altre.
In questi ultimo giorni ne ho fatte 9!!!!
Wow, è bello lavorare nell'edilizia. Intanto Buonissimo Natale a tutti, e che il prossimo anno sia pieno di cose buone e belle.... speriamo bene.
Virgi

domenica 17 novembre 2013

CANNELLINI E BIGNE'

Sempre per la festa della Vannina, ho fatto i cannellini, con la pasta sfoglia comprata (devo dire che non l'ho mai fatta, ma mi cimenterò prima o poi) e crema chantilly, che è la pasticcera aggiunta di panna montata.
Per fare i cvannellini è indispensabile avere quei coni di metallo che si trovano nei supermercati. Dalla pasta sfoglia tagiare delle strisce di circa 3 cam di larghezza, lunghe come la parte corta della pasta sfoglia rettangolare (se trovate quella rotond, si faranno delle giunte). Bagnare bene la pasta con acqua e arrotolarla intorno al cono partendo dalla punta. Passare la parte che andrà sopra nello zucchero semolato e infornare a 180° (non di più) per circa 15 minuti, o finchè non coloriscono, io nel mio forno a metà cottura devo girare la teglia perchè cuoce di più davnti che dietro. aspettare che si raffreddino e poi farcirli con la crema 8o col cioccolato)
 i bignè li ho preparati qualche giorno prima, farciti con una mousse al cioccolato di cui non ricordo la ricetta perchè l'ho "inventata" per riparare ad un errore di una ganache che era impazzita, aveva fatto i grumi, quindi, visto che mi secca molto buttare via il cibo, ho provato con risultati un pò scarsini, a recuperarla aggiungendo del mascarpone, del cioccolato bianco sciolto ecc. Anche se devo dire che proprio schifosa non era, perchè li hanno finiti!!!!!!!!!!
Comunque, dicevo, li ho preparati alcuni giorni in anticipo e congelati già farciti, erano buoni ma non più croccanti.
Notte, Virgi

venerdì 15 novembre 2013

TARTELLETTE CON CREMA PASTICCIERA E FRUTTA FRESCA

 Ho lavorato un intero pomeriggio tra fare le tartellette, cuocerle, farle raffreddare e nel frattempo preparare la crema, pulire e affettare la frutta ecc ecc.
Per le tartellette:
500 gr di farina
250 gr di burro
250 gr di zucchero,
1 uovo intero e un tuorlo (anche un po di più se le uova sono piccole).
preparare la frolla e farla riposare, poi stenderla e con un coppapasta più grande degli stampini che si useranno, ritagliare dei dischi, e metterli negli stampi imburrati. Mettere un pò di carta forno nella frolla e versarci dentro fagioli secchi o riso per tenere schiacciata la pasta che tenderà a gonfiarsi anche se non c'è lievito. Infornare a 180° per 10 minuti, togliere i legumi e la carta forno, poi infornare ancora per altri 10 minuti circa, fino a raggiungere la coloritura desiderata (a me piacciono scurette).
Nel frattempo preparare la crema pasticcera:
500 ml di latte
4 tuorli
90 gr di farina
120 gr di zucchero (non è dolcissima, semmai aggiungerne un pò)
Mettere a bollire il latte e intanto mescolare uova, zucchero e farina, stemperare con un pò di latte caldo, rimettere tutto nel pentolino e portare a bollitura nuovamente finchè addensa.
Quando la crema è fredda versarne un pò nelle tartellette e se vengono servite a breve, si possono già completare con la frutta, altrimenti farlo poche ore prima del servizio in quanto la frutta si rovina molto in fretta (io le ho preparate il giorno prima del compleanno di Vanessa e le ho rifinite la mattina della festa).
Quando sono finite, spennellarle con gelatina (io preferisco sciogliere un pò di colla di pesce in acqua e gelatina di albicocche, per le quantità vado ad occhio)
sono belle, buone e un pochino salutari..... sapete c'è la frutta.. hi...hi..hi
Bacioni. Virgi

mercoledì 13 novembre 2013

HALLOWEEN, ANCHE SE IN RITARDO

Come al solito, sono indietro, arrivo sempre un pò dopo e soprattutto lo faccio correndo....
Vabbè, le cose da fare sono davvero troppe per le mie ridotte possibilità, quindi, come moltissime donne, mi arrabatto e mi arrangio come meglio posso.
 Quindi proprio correndo correndo ho fatto, il pomeriggio del 30 ottobre, questi biscottini a forma di teschio trovati sul blog giallo zafferano e copiati pari pari.

 poi, mi erano rimasti i soliti albumi da una pasticcera fatta alcuni giorni prima e avendo visto questa idea, mi sembra sempre sullo stesso sito, ho deciso di farli, sono troppo dolci (in tutti i sensi)
 ho pesato gli albumi poi il doppio di zucchero, ho messo nella planetaria con la frusta e ho fatto andare per 10 minuti, poi ho versato il composto in una sac a poche e ho composto questi fantasmini. Messi al forno a 100° per circa due ore, poi quando si sono raffreddati li ho decorati con il cioccolato fondente sciolto.
 Questa invece è una tortina fatta in meno di un'ora, infatti è molto semplice, ricoperta di pasta di zucchero e internamente è fatta di pan di spagna, farcita con marmellata di albicocche.
Buonanotte, Virgi

martedì 29 ottobre 2013

QUICHES CON PANCETTA E CIPOLLA (FORSE LORRAINE?)

Ricetta trovata su internet, forse del maestro Montersino, ma non ricordo bene, prendo sempre degli appunti volanti e chiaramente non scrivo da dove li ho copiati.
Comunque sia, sono buone e nemmeno difficili da fare, si possono congelare e quando si tirano fuori sono buonissime.
 Ingredienti per la pasta brisè che fa da guscio:
500 gr di farina
250 gr di burro
120 gr di acqua fredda (circa)
Ingredienti per il ripieno:
1 cipolla bionda
150 gr di pancetta dolce o affumicata a dadini piccoli
Groviera o emmental a fettine, q.b.
Ingredienti per la crema di riempimento o lieson
150 gr di latte
150 gr di panna
180 gr di uova intere
20 gr di tuorlo
sale, pepe, noce moscata
Preparare le brisè nella planetaria o a mano e farla riposare almeno un'oretta. nel frattempo affettare la cipolla e rosolarla senza farla imbiondire troppo in olio, aggiungere un pò d'acqua e farle stufare. Quando il liquido si asciuga, aggiungere la pancetta e portare a cottura.
Preparare anche la cremina unendo tutti gli ingredienti, attenzione al pepe perchè si sente molto.
Quando la brisè è pronta, stenderla e foderare una teglia grande oppure, come ho fatto io, foderare tante teglie piccole, infornare i gusci a 180° per circa 10 minuti, poi estrarli dal forno e riempirli con il composto di cipolle e pancetta, versare la lieson a riempimento poi ricoprire con le fettine di formaggio, oppure si può anche grattugiare. infornare di nuovo per circa 20 minuti o finchè non raggiungono un giusto grado di colorazione.
Sono buone e come dicevo prima si possono conservare in freezer.
Bacioni e alla prossima, Virgi

domenica 27 ottobre 2013

BISCOTTI SALATI AL GORGONZOLA E ROSMARINO

E' una ricetta che ho visto sul sito di Alice tv, dello chef Daniele Persegani, mi sono sembrati appetitosi e infatti lo sono, anche per una come me che non ama i formaggi e in particolare mi piace poco proprio il gorgonzola.
Ingredienti:
200 gr di gorgonzola
100 gr di burro
200 gr di farina
50 gr di fecola
sale, pepe, rosmarino
Impastare gli ingredienti formare un salamotto, avvolgerlo nella carta forno e metterlo in frigo oppure in freezer per 15 minuti. Nel frattempo accendere il forno a 180°, tirare fuori il slamotto e affettarlo, appoggiando le fette sulla teglia ricoperta di carta forno e cuocere per circa 20 minuti, non devono diventare molto scuri, infatti io ho mangiato solo quelli più scuri perchè mi piace la roba ben cotta e croccante.
provateli, si possono anche congelare e tirare fuori per un aperitivo oppure da offrire ad ospiti improvvisi.
Notte, Virgi

venerdì 25 ottobre 2013

MUFFINS CON LA RICETTA DEL QUATTRO QUARTI

Ho provato a fare questo impasto classico per muffin, ma devo dire che non mi ha soddisfatto, troppo grasso e rimane tendenzialmente duretto.
Servono:
250 gr di zucchero
250 gr di burro
250 gr di farina
250 gr di uova
Montare il burro con metà zucchero, aggiungere le uova montate con l'altra metà e poi la farina. Mettere l'impasto nei pirottini e infornare a 180° per circa 18-20 minuti (fare sempre la prova stecchino).
In questo caso io ho aggiunto le gocce al cioccolato, ma si possono lasciare bianche e decorarli con una crema e dei confettini colorati.
La prossima volta che li faccio, credo che userò la mia ricetta di torta allo yogurt che viene sempre bene.
Bacionissimi, Virgi

mercoledì 23 ottobre 2013

PANINI CONIGLIETTI

Ho fretta, come al solito corro corro ma non arrivo mai al traguardo!
Vabbè, prima o poi ci arriverò. Quindi, per fare presto, salto il procedimento per fare una pasta da pane (farina, lievito, acqua un pò di olio e sale) arrivo subito alla pasta stesa e tagliata a forma di cuore. Anzi servono due cuori per ogni coniglietto: uno si mette con la parte curva in su e si divide in due,
 l'altra si mette con la parte curva in giù, e non si taglia.
 Inumidire un pochino l'apice del cuore con la parte curva in giù e attaccare le due parti tagliate, come a formare delle orecchie del nostro simpatico coniglio
 Formare un musetto con un pò di paste e gli occhi con un'oliva denocciolata tagliata a fette.
 Mettere i coniglietti nella teglia e infornare a 190° circa finchè si colorano. Per fare presto, non ho la foto dei panini finiti, sighh, che brutta cosa la fretta e che brutto correre!!!!!!
 Comunque con un pò di immaginazione, si possono fare anche con altri impasti, dolci e salati (pasta brioche, frolla, ecc)
Sono carini, e corrono veloci!!!!!
Bacioni, Virgi

lunedì 21 ottobre 2013

BISCOTTI ARCOBALENO

Sono davvero carini, non è una mia idea. li ho visti da qualche parte e quando abbiamo deciso di fare la festa di compleanno a tema arcobaleno, ho deciso che questi non potevano mancare.
 Non sono difficili da fare, ma il procedimento è lungo e impegnativo.
Innanzitutto bisogna realizzare 6 paste frolle dei sei colori dell'arcobaleno (sarebbero 7, ma soprassediamo), ho iniziato col rosso, arancione, giallo, verde, azzurro e viola.
Si stendono le sei sfoglie in forma di rettangolo e si sovrappongono nell'ordine che ho scritto, oppure al contrario, mantenendo questa sequenza.
Poi si fa una fetta dal panetto e otterremo una piccola piastrella rigata, si appoggia sul piano di lavoro poi si stende col mattarello e si ritagliano le forme. Ce ne vogliono 4 per ogni biscotto, infatti all'interno c'è una sorpresa, ma andiamo con ordine...
Dopo aver tagliato 4 biscotti per ogni dolcetto di cui abbiamo bisogno, due dei quattro vanno bucati al centro usando un coppapasta rotondo o una formina che lasci un pò di bordo intorno al buco. Si mettono a cuocere separatamente e quando sono freddi viene il divertimento.
Preparare una glassa (che sarà la colla) con zucchero al velo e albume, procurarsi delle pastiglie al cioccolato ricoperte di zucchero colorato la cui abbreviazione si chiama Smarties, e formare un conetto di carta forno.pronti? Via..
Appoggiare sul piano di lavoro un biscotto con la parte più bella rivolta verso il basso, mettere un pò di glassa sul bordo, appoggiare un biscotto bucato e schiacciare un pò. Mettere un altro biscotto bucato dopo avre messo ancora glassa sul secondo e schiacciare un pò. Riempire il buco con le pastiglie al cioccolato, mettere ancora unpò di glassa sul bordo e chiudere col quarto biscotto, chiaramente senza buco. FINISH!
Si fa per dire, io ne ho preparati 25 completi, che vuol dire aver fatto 100 biscotti di cui 50 col buco, di cui....
Troppi numeri, in buona sostanza è una lavorata, ma l'effetto sorpresa per i bambini è garantito, a scuola alcuni bimbi non lo hanno mangiato tutto per portarlo a casa alla mamma per farglielo vedere.
Buoni, Golosi e veramente d'effetto!
Bacioni, Virgi

domenica 20 ottobre 2013

PANINI SEMIDOLCI PER UN BUFFET DI COMPLEANNO

Questi sono VERAMENTE a prova di persona che non ha mai neanche mescolato una pastasciutta!
Procuratevi gli ingredienti e farete un superfigurone!
Panini semidolci che vendono in qualsiasi supermercato e anche al discount,
Un vasetto di maionese
Due scatolette di tonno sott'olio sgocciolato
Pomodori a fettine sottili
Insalata (iceberg o lattuga)
Sott'aceti se piacciono altrimenti niente
Sale
Tutto qui. Vediamo come assemblarli. mescolare bene la maionese col tonno sgocciolato e sbriciolato (si può anche passare tutto nel mixer, verrà una crema), tagliare a metà i panini, spalmare entrambe le parti con la crema, e sulla parte inferiore appoggiare qualche fetta di pomodoro, insalata, salare e aggiungere altri ingredienti a piacere che possano adeguarsi ai vari sapori, come sott'aceti, carciofini, funghetti o quello che abbiamo in casa da finire. Chiudere il panino, infilzarlo con forchettine o stuzzicadenti (io ho questi spadini colorati che lavo e quindi riciclo) e tagliarlo a tre o quattro pezzi. servire entro poche ore.
Questo è, se possibile l'unico neo di questi panini, non si possono conservare a lungo tanto meno congelare, io li ho fatti sempre per il compleanno della mia piccola belva, ma li ho preparati al mattino stesso (tanto tutto il resto o quasi era in freezer)!!!
Bacioni, virgi

venerdì 18 ottobre 2013

PIZZA NON AL METRO, MA AL ROTOLO


E' un'idea che ho viso su ARTURO, un canale sul digitale terrestre (io non ho la tv satellitare) nel programma di un mastro pizzaiuolo (si proprio pizzaziuolo) di Napoli.
 Mi è piaciuta molto ma soprattutto mi ha parzialmente risolto il problema della mozzarella sulle pizzette che diventava dura e asciutta dopo che le pizze si raffreddavano. Questa mozzarella, essendo racchiusa nella pasta si indurisce molto meno. Provare per.....
 L'impasto è quello solito della pizza, magari aggiungendo un pò di grassi, tipo olio, burro oppure una mozzarella tritata nell'impasto di farina acqua e lievito, poi un pizzico di sale, impastare bene e aspettare la santa lievitazione.
 Stendere la pasta in due o più parti, in base a quanto si vogliono grandi i rotoli, e spalmare di concentrato di pomodoro, io non ho usato la passata perchè secondo me bagnava troppo la base delle rotelle.
 Spolverizzare di origano e sale,
 aggiungere la mozzarella a dadini o fettine (meglio farle perdere il più possibile il liquido, sempre per il discorso di prima) senza arrivare al bordo superiore
 arrotolare bene partendo dalla parte farcita (in basso nella foto) arrivando alla parte libera, che bagneremo con un pò di acqua per farla saldare bene.
 Quando abbiamo ottenuto il rotolo, va tagliato in pezzettoni di 3 o 4 cm di larghezza e appoggiati in piedi sulla teglia foderata di carta forno.
 Devono lievitare ancora mezz'oretta e poi vanno in forno a 180-200° finchè sono cotti, in base ai gusti.
 Come faccio sempre per i lievitati, li congelo quando sono ancora tiepidi, secondo la mia esperienza, rimangono più morbidi una volta scongelati.
Sono buone e si possono preparare in anticipo per un buffet, io li avevo fatti due settimane prima della festa per la mia Vanessina!!!!
Bacioni, Virgi

martedì 15 ottobre 2013

FESTA DI COMPLEANNO

Eccoci arrivati a 8 anni!
Sempre più bella, indipendente, civettuola, maliziosa, furbetta e... grande.
Come tutti i genitori (anche se qualcuno sostiene che io non sia una mamma convenzionale) spero che cresca nel miglior modo possibile, libera e felice!

La torta è piaciuta molto a grandi e piccoli, il tema della festa era l'arcobaleno e chiaramente la rainbow cake non poteva mancare. E' stata una faticaccia ma ce l'ho fatta! Sopra non ho potuto scegliere il topper in quanto la festeggiata ha voluto, tanto per cambiare, dei cavalli.

L'interno è spettacolosissimo!!!!!
6 strati colorati e buonissimi. L'impasto è pan di spagna classico che ho impastato in 6 volte, colorato e cotto separatamente. quindi queste sono 6 torte, non una!
Ricetta per ogni disco: (per chi ha un pomeriggio libero)
2 uova
75 gr di zucchero
75 gr di farina
montare uova e zucchero col frullino a lungo, poi inserire la farina delicatamente, a mano, colorare e infornare separatamente a 180° per 20 minuti circa, controllare comunque dopo 10 minuti con lo stecchino, perchè se brucia, il colore non si nota bene (a me è successo col viola)
Bastano tre colori, quelli primari, senza i quali non si possono ottenere alcuni colori:
giallo
rosso
blu
quindi tre degli impasti vanno colorati con questi colori.
per gli altri tre:
arancio= giallo con una punta di rosso (poco, semmai si aggiunge)
viola= rosso con una punta di blu (idem come sopra)
verde= giallo con una punta di blu
Ricetta della crema che si usa sia tra un disco e l'altro che come copertura:
750 gr di panna montata
500 gr di mascarpone
zucchero semolato a piacere (assaggiate)
Montaggio: attenzione a rispettare rigorosamente le sfumature dell'arcobaleno, il rosso non av adiretto contatto col giallo, in mezzo ci va l'arancio, stessa cosa tra giallo e blu c'è il verde. Consiglio di partire dal viola e seguire la foto della torta tagliata.
Sarà una faticaccia, ma la soddisfazione è tanta!!!
Le decorazioni sono a piacere, si trova qualsiasi cosa su internet, io ho scelto l'arcobaleno e come dicevo prima i cavallini, che carini!
Intanto buona notte e alle prossime volte per vedere il buffet preparato per questa festicciola

sabato 12 ottobre 2013

TORTINE DI FROLLA CON GANACHE AL CIOCCOLATO

Sono "liffe", caloriche ma divertenti da fare e da proporre. Si deve fare in due tempi, quindi è meglio organizzarsi bene (senti chi parla!)
        
Io ho impastato una quantità di frolla veramente esagerata, ma poi ho cotto tutte le tartellette e le ho congelate da cotte. La ricetta è quella del maestro Montersino, 
1 kg di farina
600 gr di burro
400 gr di zucchero
160 gr di tuorli
aromi a piacere (vaniglia, limone)
Ho impastato con il mio migliore amico, il kenwood  e ho fatto riposare una notte intera.
Il giorno dopo ho preso un pò di frolla, l'ho impastata un pochino con le mani per renderla malleabile e ho steso col mattarello, ho intagliato dei dischi e foderato uno stampo da muffins, messo un pò di carta forno all'interno, con del riso per schiacciare e cotto in bianco circa 20 minuti girando la teglia a netà cottura 8il mio forno cuoce di più davanti che dietro) 
poi come dicevo le ho congelate tutte, in quanto non avevo il tempo di riempirle subito. due giorni dopo ho preparato una ganache al cioccolato, in questo modo:
100 gr di cioccolato fondente
100 gr di cioccolato al latte
100 gr di panna da cucina
Ho bollito la panna e l'ho versata sul cioccolato a pezzetti, mescolato bene per scioglierlo e poi l'ho fatto riposare in frigo, anche lui per una notte.
Il giorno dopo ho riempito la sac à poche con la ganache e ho decorato le tortine tirate fuori dal freezer solo il tempo necessario a riempirle, poi di nuovo in freezer. Non le ho ancora assaggiate, ma credo che saranno piacevoli.
Bye bye, Virgi.

ROSE DI MELA

Come dice il nome, sono rose, o almeno sembrano rose, solo che sono di pasta brioche, mela e si mangiano con grande gusto. 
 La ricetta è quella solita della mia pasta brioche che ormai faccio ad occhio:
500 gr di farina
2 uova
200-250 gr di metà latte e metà acqua
150 - 200 gr di zucchero
70 gr di burro
1 bustina di lievito di birra secco oppure un cubetto di lievito di birra fresco
Impastare tutti gli ingredienti (io lo faccio sempre con il mio miglio amico Ken)
 Mettere l'impasto a lievitare e nel frattempo prendere 3 o 4 belle mele rosse (se sono piccole è meglio) e tagliarle in 4 parti, togliere il torsolo e ricavarne delle sottilissime fettine di circa 1 mm SENZA sbucciarle, la buccia ci serve per non farle sfaldare in cottura e per dare il colore alle rose.
 In una pentola larga mettere le mele, un pò di zucchero e un pò di acqua e farle cuocere finchè diventano morbide, perchè dovremo arrotolarle, quindi devono essere cotte e tenere.
Stendere la pasta brioche all'altezza di circa 1/2 cm e ritagliare delle strisce lunghe circa 15 cm e alte 2 cm.
appoggiare le fettine di mela sulla parte superiore della pasta e arrotolare dolcemente, aiutandosi con le mani per non far scappare via le mele. Far lievitare ancora sulla teglia, circa 30 minuti e infornare a 180° per circa 25 minuti, finchè prendono un pò di colore (regolarsi col proprio forno). Io le congelo praticamente dieci minuti dopo che sono uscite dal forno, perchè ho notato che rimangono molto più morbide che se aspettiamo si raffreddino.
Al mattino, vi alzate, ne tirate fuori due a testa, andate in bagno a prepararvi e quando mettete su il caffè, le mettete nel microonde e gli fate fare giusto un giro alla massima potenza e... Buona colazione!
Bacioni, Virgi
Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...